Diabete Mellito di Tipo 2

Che cos’è il Diabete Mellito di Tipo 2?

Istruzioni nutrizionali fondamentali per il diabete mellito

Autore: DimitrisGrigorakis
Dietologo Clinicoe-Nutrizionista
Direttore Scientifico del Centro di Sostegno Dietetico e del Controllo Metabolico APISXNANSIS-LOGO DIATROFIS
Presidente della Società Greca di Nutrizione

È il diabete che si manifesta più frequentemente e continua a essere definito come diabete non insulino-dipendente. Anche se la base genetica del diabete di Tipo 2 non è stata ancora completamente precisata, ci sono indicazioni solide che l’obesità, la cattiva alimentazione e la mancanza di attività fisica costituiscono i fattori principali non genetici del pericolo della comparsa della malattia. Secondo i moniti delle principali organizzazioni internazionali, l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale nella prevenzione e nella cura del diabete mellito di Tipo 2.

Indicazioni nutrizionali basilari per il diabete mellito.
• Mantenimento del peso corporeoa livelli normali (IMC 18,5-25 kg/m2).
• Non rimanere digiuni per più di 3 ore: i pasti regolari aiutano la regolazione dei livelli del saccarosio.
• Assumere alimenti di tutti i gruppi. Si raggiunge così un controllo migliore del saccarosio e si provoca più facilmente il senso di sazietà.
• Consumate cereali e pasta di farina integrale che contengono carboidrati complessi e fibre naturali che mantengono i livelli del glucosio stabili.
• Limitate il consumo di zucchero e di dolci che contengono grassi (paste, torte, gelato…). Scegliete dessert senza zucchero e con pochi grassi e poche calorie. Evitate di aggiungere zucchero alle vostre bevande, meglio la saccarina, una sostanza dolcificante derivata dallo zucchero che dà un gusto dolce ma senza calorie.
• Limitate il consumo di grassi saturi acidi come la carne rossa, il burro, dolci (dolci di pasticceria, brioche e simili), i cibi pronti e confezionati (patatine, torte al formaggio…), latticini interi, formaggi e simili. In commercio si trovano dessert di nuova generazione senza zucchero, con poche calorie, indice glicemico basso, fibre naturali e pochi grassi, adatti ai diabetici.
• Consumate giornalmente 2 bicchieri di tè verde che ha un doppio contenuto di polifenoli. Studi clinici sugli animali hanno dimostrato che il tè verde contribuisce alla prevenzione del diabete e regolarizza i livelli di glucosio nel sangue, a causa del suo alto contenuto di epigallocatecoli (EGC) una forma attiva dei polifenoli, con forte azione antiossidante.
• Leggete le etichette nutrizionali dei cibi già pronti: controllate il contenuto di grasso saturo (cattivo) negli alimenti, la quantità di nitrato (sale) e degli zuccheri presenti. Questo vi aiuterà a fare scelte più salutari!
• Fate attività fisica ogni giorno.
• Consumate alimenti con indice glicemico basso. L’indice glicemico di un alimento è considerato basso quando è compreso tra 0-55 in una scala di 0-100. Gli alimenti con l’indice glicemico basso contribuiscono a un controllo migliore dei livelli di saccarosio, ma anche alla perdita di peso, come è dimostrato da recenti studi clinici.